Questo matrimonio non s’ha da fare…

Microsoft ha deciso di ritirare l’offerta fatta per l’acquisizione di Yahoo, perchè la richiesta di 37$ è risultata troppo alta per Balmer (che ne aveva offerte inizialmente 31$ per poi salire a 33$). Microsoft ha dichiarato tramite una lettera “che sono dispiaciuti per il fatto che Yahoo non abbia accettato l’offerta. […] io credevo che la fusione delle nostre 2 compagnie avrebbero creato un valore reale per i nostri azionisti e avrebbero fornito ai consumatori, agli inserzionisti e ai publicitari grandi innovazioni e scelte sul mercato. La nostra decisione di offrire un premio del 62% riflette la forza delle nostre convinzioni.”

Dal canto suo Yahoo ha risposto “Il nostro obiettivo rimane massimizzare il valore per gli azionisti e inseguire oppurtunità strategiche che portino Yahoo in posizioni di leadership nel suo mercato. Fin dal principio di questa trattativa abbiamo pensato (supportati dal analisti indipendenti e dal nostro managment) che l’offerta sottovalutasse la nostra azienda e siamo contenti del fatto che molti azionisti la pensino così”

Purtroppo per Microsoft sembra che non ci siano molte speranze di una fusione, e con sempre più servizi offerti via web una presenza come quella di Yahoo sarebbe stata proprio utile. E l’offerta fatta da Balmer sembra quasi dettata dalla disperazione: praticamente sono stati offerti quasi 47,5 miliardi di dollari cioè quasi un’anno di incassi della stessa Microsoft o 3 anni di utili operativi a fronte di un’azienda certamente solida e in crescita ma che ha un’utile prima delle tasse di “soli” 730milioni.

Microsoft che ha sempre avuto (nel bene e nel male) un ottimo fiuto per gli affari ha sbagliato invece in pieno la valutazione dell’impatto di internet negli anni ’90, disinteressandone fino al 1995, cercando poi di sostituirlo com msn (si perchè per chi non se lo ricordasse msn nacque come alternativa a internet nel 1995), poi di piegarlo ai sui bisogni modificando gli standard con Frontpage e Internet Explorer, ma sempre senza riuscirci fino in fondo; inoltre considerando la grande rete fino a poco tempo fa una cosa marginale per il loro business non hanno mai investito molto in ricerca e si trovano oggi nella condizione di dover inseguire le innovazioni introdotte dagli altri (Google in primis).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: