A Torino verranno dati netbook agli studenti

12 ottobre 2008

Dopo un po’ di assenza dovuta a vari impegni rieccomi a commentare una notizia apparsa su PI: in pratica si vuole sperimentare l’adozione di netbook in dotazione ai ragazzi di 2 scuole elementari di Torino e provincia da affiancare ai tradizionali metodi di studio. Il netbook è stato scelto in modo che sia facilmente trasportabile, visto che i ragazzi potranno portarlo a casa finite le lezioni. Fra i molti modelli disponibili si è optato per 55 esemplari di  JumPC che saranno ceduti in comodato gratuito alle scuole da Olidata. Sulla macchina saranno installati parecchi programmi didatti opensource e freeware, e fin qui tutto bene, inoltre la macchina potrà andare su internet ma sarà filtrata in modo da permettere l’accesso ad una lista di 700 siti selezionati con la possibilità di sblocco attraverso una password da parte dei genitori  o degli insegnanti. Come chi mi segue ormai saprà a questo punto arriva il lato negativo: già perchè un’altro sponsor è niente meno che BigM, la quale ha dotato i netbook del caro vecchio Windows XP. Ciliegina sulla torta il tutto è gestito attraverso un programma che si chiama Magic Desktop che funge da interfaccia fra il sistema operativo è il ragazzo.

Esistono alternative molto valide per la didattica in campo opensource partendo da Gcompris per arrivare a Squeak quindi perchè utilizzare un prodotto commerciale per fare da mera interfaccia verso programmi opensource?

Far impratichire i nostri ragazzi con i computer è una ottima cosa, io stesso lascio usare a mia figlia di 4 anni il computer di casa con GCompris, e l’idea di dare un netbook in dotazione è lodevole, non tutti infatti possono permettersi l’acquisto di un PC e non sarebbe giusto discriminare chi non ne ha la possibilità; però viste le finalità dell’esperimento se si fosse optato per una distribuzione Linux live con integrati gli strumenti necessari (tipo Edubuntu 101%), si potevano fornire PC fissi nelle scuole (spesso già presenti nei laboratori) e aiutare le famiglie che non possedessero già un computer fornendogliene uno o provvedendo con riduzioni sul costo di acquisto: con l’equivalente dei 55 netbook acquistati (300 euro cad.) si possono acquistare almeno 70-80 PC con prestazioni e dotazioni software superiori: quindi sarebbe possibile allestire almeno 2 aule didattiche nuove  avanzando ancora 20 PC da dare alle famiglie. I netbook, per quanto validi, hanno oggettivi problemi di usabilità, innanzi tutto la tastiera molto piccola, poi lo schermo a bassa risoluzione e di soli 7″ di diagonale, la posizione relativa monitor-tastiera poco ergonomica, la durata delle batterie e le possibilità di smarrire o danneggiare il PC durante il tragitto scuola-casa.

Anche l’idea di usare un programma come Desktop Magic è secondo me discutibile: in 5 elementare i ragazzi hanno tranquillamente la capacità di usare un PC normale, ma qui il problema è che scegliendo Windows come sistema operativo diventava probabilmente troppo difficile costruire una situazione “blindata” per i ragazzi. La soluzione di utilizzare un LiveCD di Linux invece avrebbe escluso molti problemi di sicurezza e avrebbe permesso, a parità di investimento, la fruizione di un servizio migliore ad un numero maggiore di persone. Inoltre il voler sempre semplificare e “proteggere” i ragazzi costruendogli attorno reti e barriere di protezione li rende solo incapaci di affrontare quella che sarà poi la vita reale.

Comunque, come diceva qualcuno: piuttosto che niente meglio piuttosto…

Annunci