Microsoft propone una soluzione per il problema botnet

Mi sono imbattuto in una notizia che mi ha portato a guardare il calendario un paio di volte per vedere se per caso non fosse già il primo aprile e non me ne fossi accorto!

Durante la RSA security conference in San Francisco il sig.Scott Charney (che, per chi come il sottoscritto non l’avesse mai sentito nominare, detiene l’altisonante titolo di Microsoft Corporate Vice President for Trustworthy Computing) ha parlato di botnet e virus. Ha delineato uno scenario in cui la Microsoft da sola non può debellare le botnet e i virus, ma occorre la collaborazione dei provider;  facendo l’esempio della sanità in cui si può curare un malato, ma è possibile e più efficace effettuare prevenzione e applicare la quarantena ai pazienti contagiosi in modo da evitare l’espansione della malattia. Un bel esempio e anche una strategia valida. Che però ha un costo, che provider non riescono a sostenere. E qui nasce l’idea brillante: questi costi si possono far pagare al mercato attraverso una tassa!

Semplicemente una mossa geniale: io sviluppo un sistema operativo che è un colabrodo, siccome non riesco a tapparne i buchi in tempi ragionevoli  chiedo ad altri di farlo per me e tutto questo lo faccio pagare a TUTTI gli utilizzatori di internet.

Io ho una controproposta certamente più equa: sono perfettamente d’accordo con l’idea della tassa ma applicata solamente ai prodotti i cui bachi siano sfruttabili per la diffusione di virus/botnet e che non siano stati chiusi in modo tempestivo dalla scoperta (basti pensare che il solo Windows XP tra le 2 versioni home e professional ha 67 falle ancora aperte di cui oltre il 40% gravi contro le 0 ad esempio di Ubuntu – che include centinaia di programmi – nelle varie versioni dal 2007 a oggi  ) . Si otterrebbe sicuramente un vantaggio: chi vuole proprio usare prodotti Microsoft potrebbe continuare a farlo ma contribuirebbe a ridurre i pericoli con il contributo economico, chi invece preferisce passare a prodotti diversi (e più sicuri) contribuirebbe a farlo in modo diretto.

Annunci

One Response to Microsoft propone una soluzione per il problema botnet

  1. ibart ha detto:

    ahaha, geniale veramente 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: