openmamba colpisce ancora

3 marzo 2010

Vi giro l’annuncio di Silvan, creatore e principale manteiner di openmamba:

“Sono lieto di annunciare l’immediata disponibilità di openmamba milestone2 2.0pre1, la nuova versione del sistema operativo GNU/Linux per computer portatili, desktop e server.
La seconda “pietra miliare” del progetto di sviluppo openmamba è stata raggiunta grazie all’integrazione del moderno ambiente desktop KDE 4, dei recenti sviluppi del kernel Linux e del software di sistema e delle migliori applicazioni open source.
milestone2 presenta un’esperienza tecnologicamente rinnovata grazie all’introduzione di meccanismi di mantenimento e aggiornamento automatici ed al costante contributo di mambaSoft e della comunità di sviluppatori openmamba fornendo così all’utente un semplice ed elegante strumento di interazione con il mondo tecnologico e la rete internet.
Dopo mesi dedicati a sviluppo e test, questa versione si rivolge ad un’utenza allargata che ricerca una giusta combinazione tra innovazione, affidabilità e stabilità. L’uso di repository stabili e l’aggiornamento massivo solo in corrispondenza delle prossime versioni pre-release, garantiscono un’affidabilità del sistema soddisfacente già da questa versione per la maggior parte degli usi.
openmamba milestone2 è disponibile gratuitamente per il download dal sito www.openmamba.org sotto forma di immagini ISO per supporti livecd e livedvd.

La distribuzione bootusb può essere utilizzata insieme alle immagini ISO per installare openmamba su una chiavetta USB, offrendo così anche un sistema portabile da un computer all’altro.
I supporti di openmamba sono disponibili in tre lingue: italiano, inglese e spagnolo (novità!).”

Per che non l’ha mai provata, a differenza di altre distro più famose, openmamba integra già i driver per le maggiori schede video, per i dispositivi wireless, i codec multimediali, il supporto a flash e l’ambiente desktop 3D compiz, garantendo all’utente un’esperienza completa e coinvolgente già dal primo avvio. I supporti presenti sul sito permetteno di provare in modalità live la distribuzione e di installarla con pochi click sul proprio PC; la strada scelta da openmamba per l’installazione fa si che ciò che provate sarà esattamente ciò che avrete a fine installazione configurazioni del video e della rete comprese: quindi nessuna brutta sorpresa con driver video recalcitranti o schede wireless che vanno a singhiozzo…

Inoltre un attenta opera di pacchettizzazione ha permesso di avere disponibili oltre 5500 pacchetti software che spaziano dai programmi per ufficio ai giochi. Quindi che aspettate a provarla? Andate sul sito e scaricate la versione che preferite.

Una modifica dell’ultimo minuto: se il sito dovesse sembrare irraggiungibile o molto lento nella navigazione è solo un problema temporaneo dovuto alle centinaia di connessioni simultanee che lo stanno raggiungendo in queste ore (stiamo scalando la classifica di distrowatch: in un solo giorno siamo passati dal 165 posto al 92 sulla statistica settimanale, e abbiamo guadagnato 40 posizioni su quella semestrale); se riprovate un po di volte vi lascierà comunque entrare. Ad ogni modo se volete scaricare direttamente le iso vi posto i link per le 2 versioni (i download sono comunque veloci):

openmamba livedvd

openmamba livecd

e qui ci sono i torrent per scaricarli con bittorrent:

torrent livedvd


Creative Commons in festa a Torino

16 giugno 2009

A Torino, qualche giorno fa, abbiamo gettato le basi di un nuovo gruppo dedicato alla promozione dell’open source e delle opere prodotte sotto Creative Commons, chiamato Torino Open; di seguito la descrizione ufficiale del gruppo:

TorinoOpen è un gruppo informale di persone che dal giugno 2009 hanno iniziato a collaborare tra di loro sulle tematiche legate alla diffusione delle opere dell’intelletto. TorinoOpen si è autocostituito come tavolo di confronto aperto al contributo di chiunque a titolo personale volesse entrare a farne parte. In special modo, ha iniziato a riflettere sulle problematiche riguardanti le libertà digitali e i vincoli che limitano la libera distribuzione delle creazioni artistiche. La diffusione dei programmi open source e del sistema operativo Linux, la fruizione dei contenuti artistico-culturali gratuitamente distribuiti attraverso la licenza Creative Commons, sono i temi posti al centro di una riflessione trasversale. Il gruppo intende svilupparla a livello locale sotto la forma di pubblico confronto presso l’opinione pubblica. TorinoOpen ha ricevuto un deciso sostegno da parte di Arci Torino che all’interno del proprio sistema associativo intende promuovere l’utilizzo di Linux. Sistema operativo fondato sulla condivisione di conoscenze e la loro circolazione in seno ad un ampia comunità di utenti, quest’ultimo si pone come soluzione alternativa, che simboleggia la possibilità di sperimentare un linguaggio sempre modificabile da chi sceglie di usarlo.
La stessa filosofia che favorisce la libera sperimentazione caratterizza la distribuzione di prodotti culturali come la musica non coperta da copyright e poiché la diffusione di nuove produzioni musicali è un obiettivo di Arci.

Come primo passo si è deciso di organizzare per domenica prossima, nell’ambito della manifestazione MuseoSera e nella fattispecie della Festa della Musica dell’Arci una serata con aperitivo, proiezione di film prodotti secondo creative commons, 2 concerti live di Drum&Bass e un area dedicata alla masterizzazione e copia su chiavetta usb portate da casa di distribuzioni Linux e musica prelevata legalmente da Jamendo. Qui la pagina ufficiale dell’evento con il programma completo: partecipate numerosi


Distribuzione DVD e CD opensource

1 maggio 2008

Siccome non tutti dispongono di una connessione ad internet veloce, pensavo potrebbe essere interessante fornire un servizio di spedizione a domicilio delle distro GNU/Linux o di pacchetti molto pesanti tipo Openoffice: esistono già società che offrono questo servizio ma tutte quelle che ho trovato sono all’estero. Se siete interessati potete contattarmi richiedendomi la distro che volete oppure il pacchetto che vi serve su: ercole69 (at) gmail (punto) com

Il costo sarebbe di 2 euro per ogni CD e 3 euro per ogni DVD più le spese postali (da 1,4 fino a 2 euro al massimo per 2-3 DVD).

Scrivetemi pure per informazioni


Rippare un DVD in Xivd con 4 click di mouse

28 aprile 2008

Volendo fare una copia di sicurezza dei propri film in DVD con 4 click di mouse si può usare l’ottimo k9copy.

K9copy permette la copia di un DVD modificando il tipo di codec utilizzato per l’audio e per il video o anche solo riducendo la dimensione per farlo stare in un disco da 4.7 giga. E’ sufficente avviare il programma scegliere il lettore che contiene il DVD da copiare, il codec video preferito, quello audio, la dimensione del disco che si vuole creare e il gioco è fatto.

Vi ricordo che copiare DVD protetti da diritti d’autore per darli ad amici o distribuirli su bittorrent è un reato, questo software deve essere usato solo per farsi copie di sicurezza di dischi di cui si possiede l’originale o per elaborare dischi di propria produzione.